Il populismo in America (doppiaelle.it)

“Populismo” negli Stati Uniti è una parola con un significato storico preciso. E con radici piuttosto di sinistra, a ben vedere, piantate nel carattere popolare della democrazia americana. Una riflessione storica a partire da una serie di articoli di Arnaldo Testi.

Continua a leggere su Doppia Elle

Annunci

Perché la Corea del Nord non rinuncia al nucleare (doppiaelle.it)

Pyongyang ha imparato la lezione da Libia e Iraq, che per la benevolenza degli Usa e della comunità internazionale hanno rinunciato alla bomba, ottenendo in cambio il regime change con tanto di eliminazione fisica del capo. Sarà ancora possibile convincere gli “stati canaglia” a rinunciare alla bomba?

Continua a leggere su Doppia Elle

Gli Stati Uniti escono dall’accordo con l’Iran, e ora? Intervista a Tiziana Ciavardini (doppiaelle.it)

Tiziana Ciavardini è antropologa e giornalista e conosce profondamente l’Iran. In Italia scrive sul Fatto Quotidiano. L’ho intervistata per capire meglio cosa succederà ora che Donald Trump ha spinto Washington fuori dall’accordo sul nucleare con Teheran, firmato da Obama nel 2015

Continua a leggere su Doppia Elle

Trump si merita il Nobel per la (possibile) pace in Corea? (doppiaelle.it)

Trump potrebbe vincere il massimo riconoscimento per la Pace? A guardare i precedenti, in realtà, non ci sarebbe nulla di troppo strano, etichetta a parte. Gli Stati Uniti, però, non sarebbero gli unici artefici della possibile pax coreana, un puzzle complesso, di cui abbiamo solo pochi pezzi sconnessi…

Continua a leggere su Doppia Elle

Populismo, tradizione e globalizzazione: città vs campagna

Donald Trump, Marine Le Pen, il movimento per la Brexit e compagnia hanno i comune il fatto di essere fenomeni sostanzialmente rurali. Nelle grandi metropoli il cosiddetto “populismo” non ha fatto presa. Le capitali sono cosmopolite e globalizzate, le campagne e i sobborghi votano chi promette loro di non farceli diventare. Come mai succede?

Ne ho scritto su Doppia Elle, il mio nuovo blog di politica internazionale. Per leggere l’articolo clicca qui.

Doppia Elle è anche su Facebook! Clicca qui per seguire la pagina.

Macron: europeista si, ma alla francese

Ho scritto un articolo su Macron, la sua idea (molto francese) di Europa, la sua politica interna e internazionale. Per farlo ho intervistato Francesco Maselli, giornalista esperto di cose francesi. Però non lo trovate qui, ma sul nuovo Doppia Elle, il blog in cui da oggi mi occuperò solo di politica internazionale. Seguitelo, mi raccomando!

Per leggere l’articolo clicca qui.

Per seguire Doppia Elle su Facebook clicca qui.

I media non fanno la politica

Mediaset chiude “Quinta colonna” e cambia la direzione di “Dalla vostra parte”: avrebbero favorito i concorrenti politici di Berlusconi. Prova che con le tv non crei i fenomeni, al massimo li cavalchi.

Screenshot (2)

Se Silvio Berlusconi, con le sue televisioni, voleva preparare il terreno per la vittoria elettorale di Forza Italia (che in questo caso voleva dire prendere più voti della Lega), il giochino questa volta non gli è riuscito. Matteo Salvini ha preso più voti di lui e, come da accordi, per ora è il nuovo principe del centrodestra italiano. Colui che lo è stato fino a un mese fa, ad oggi può al massimo ambire a far valere i suoi voti parlamentari nelle intricate trattative per la formazione di un governo di queste settimane, ma nulla più. Pochino, per chi per anni si è ed è stato considerato come il padrone dell’Italia.

Continua a leggere “I media non fanno la politica”

Capa è diventato grande

La mia ode tardiva all’ultimo album del più grande artista italiano su piazza

Una delle prime volte in cui Roberto Vecchioni cantò dal vivo la sua Samarcanda, a Bologna, venne contestato tanto duramente da dover abbandonare il palco. Era il 1977, e il concerto era in memoria di Francesco Lorusso, militante di Lotta Continua ucciso da poco. In quegli anni di contestazione giovanile, sogni e utopie collettive, in cui chi cantava d’amore e non di scioperi era già un po’ fascista, una canzone sulla morte e il destino come è Samarcanda non poteva essere accettata, tanto più se a cantarla era un artista vicino agli ambienti di sinistra.

Se a quegli stessi contestatori, catapultati in qualche modo nel 2018 con i loro barboni nel frattempo tornati di moda, si facesse ascoltare Prisoner 709 di Caparezza, probabilmente subito dopo chiederebbero la testa del cantautore pugliese. Che nel suo ultimo album non solo conferma la voglia di guardarsi dentro già evidente in Museica, ma del suo disimpegno ne fa una bandiera.

Continua a leggere “Capa è diventato grande”

Contro il vincolo di mandato

L’introduzione del mandato imperativo costituirebbe nientemeno che una svolta autoritaria, in cui a decidere sono i capi dei partiti e non i parlamentari. Meglio Scilipoti.

Costituente_aula
Wikipedia

L’introduzione del vincolo di mandato – o mandato imperativo – fa parte del programma di quello che i sondaggi indicano come probabile primo partito italiano (il Movimento Cinque Stelle) e la probabile prima coalizione, il centrodestra formato da Forza Italia, Lega e Fratelli D’Italia. Due forze che, sommate, hanno più di una possibilità di raggiungere quella maggioranza dei due terzi necessaria per modificare l’articolo 67 della Costituzione senza dover sottoporre la misura a referendum popolare. L’articolo recita così:

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

Continua a leggere “Contro il vincolo di mandato”

Perché lo scambio Neymar – Cr7 non si farà (probabilmente)

Semplice: il brasiliano sarà lo sponsor dei mondiali del 2022 in Qatar, stato che di fatto possiede il Paris Saint Germain

36217981122_9034be4b60_b
Neymar Jr. – Flickr

Parliamo di calcio, più o meno. La scorsa estate – lo ricorderanno anche i meno sportivi – l’attaccante Neymar Jr. è passato dal Barcellona al Paris Saint Germain per l’incredibile cifra di 222 milioni di euro. Mai s’era vista una cifra del genere spesa per un solo calciatore. Oggi, complici problemi di spogliatoio e l’insoddisfazione per giocare in un campionato che non è tra i migliori d’Europa, c’è chi dice che il brasiliano vorrebbe già lasciare la capitale francese, e che il Real Madrid lo accoglierebbe a braccia aperte. Offrendo addirittura in cambio l’unico suo giocatore in grado di reggere il confronto, il 5 volte pallone d’oro Cristiano Ronaldo.

Continua a leggere “Perché lo scambio Neymar – Cr7 non si farà (probabilmente)”