Finti libri con finte recensioni, il nulla in vendita su Amazon

La compravendita di recensioni sui prodotti in vendita online è una delle ultime trovate dei malfattori della rete. Il quotidiano britannico Sunday Times ha voluto dimostrare quanto sia semplice truffare l’ingenuo consumatore virtuale. In 3 giorni ha scritto un libro sul giardinaggio intitolato “Everithing bonsai”, volutamente pieno di imprecisioni ed errori grammaticali. Costo: 65 sterline. A quel punto il giornale ha assoldato un manipolo di troll di Amazon per scrivere recensioni entusiastiche dell’opera. Le recensioni positive hanno fatto aumentare l’authority del libro, che è schizzato in cima alla classifica dei libri sul giardinaggio. Poco importava che le recensioni fossero scritte da persone dall’identità rubata ad utenti ignari di altri social network (in questo caso 2 ragazze adolescenti).
Le finte recensioni sono ormai un mercato consolidato, di cui si conoscono anche le tariffe: 3 recensioni per 10 dollari, 2 per 5 sterline. La manovra del Sunday Times, forse non elegantissima ma efficace, ha evidenziato un fenomeno già noto. Qualcosa di simile si è già verificato con TripAdvisor, la famosa app per recensire ristoranti e alberghi.
Il principio della recensione diretta dei consumatori è uno dei pilastri della cosiddetta new economy. Si stima che l’opinione degli utenti incida sul valore di mercato del prodotto per una percentuale tra il 5 e il 9% del valore del prodotto. Non poco. Ne deriva che chi controlla le recensioni dirige buona parte del gioco, si tratti di far schizzare un libro in cima alle classifiche o di creare problemi a un ristorante rivale inondandolo di finte recensioni negative.
L’inchiesta del Sunday Times dovrebbe far riflettere i profeti dell'”era del web” su quanto ingannevole sia la realtà che spacciano. Chi sogna un mondo in cui la rete diventa teatro unico dell’esistenza (in economia, informazione, relazioni personali o politica) dovrebbe tenere presente le controindicazioni.
Annunci

Autore: Luca Lottero

Laureato in Scienze Politiche all'Università di Genova, studio per diventare giornalista. Lettore accanito di libri e giornali di carta o digitali, seguo la politica senza farne questione di vita o di morte. Mi interesso anche di calcio e musica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...